Google+ Followers

domenica 18 gennaio 2015

un pacco per me da Maristella



Chi  mi conosce  sa che amo le violette


 i mughetti

e tutto ciò  che riporta indietro nel tempo

i cappelli,ombrellini

abiti con ricami  ed applicazioni 
infatti eccomi al mio matrimonio 

ed eccomi con amiche con cui condividiamo  le stesse passioni e ci piace  giocare a 'spasso nel tempo'.
Qualche anno fa facendo ricerche in merito  spesso ero indirizzata a queste creazioni



stiamo  parlando  di 

entrate dentro questi blog e chi ama tutto ciò  capirà  di cosa parlo...



vi mostro alcuni particolari del suo banco



Creazioni  bellissime fatte da lei ed oggetti con tessuti prevalentemente  provenienti da Londra.
Meraviglioso  il mercatino dell'antiquariato  che si svolge l'ultima domenica  di ogni mese  a Piazzola sul Brenta,un villaggio tra Padova e Vicenza  dove a settembre  in coincidenza con la festa dei fiori ci sono questi personaggi in costume del '700

tutto ciò  non fa che accentuare il fascino delle cose di Maristella  e di queste passioni.




Fin quando vedendo tra le sue cose sono colpita da un set rigorosamente  con le violette. ..
la contatto in privato  e tempo un giorno  da Arbizzano arriva
'un pacco per me'

qualsiasi arrivo è  una gioia per tutta la famiglia, in particolare  se fossero macchinette etc...
ma la sua  illusione è  svanita subito.


come una bambina ho scartato gustandomi ogni singolo pezzo

ed eccolo qui il set...
non mi sembrava vero di avere qualcosa di Maristella 



spazzola specchietto  e brush dei primi del '900 con violette ricamate a punto pieno in ottimo stato.


e delle cartoline....
Ovviamente  mi veniva da pensare a chi fosse appartenuto

sicuramente  a donne del genere
che indossavano  questi abiti

questi modelli di scarponcini 

               
e queste borsette...
rigorosamente  non doveva mancare il cappello e l'ombrellino




 Grazie Maristella!!! 

Un saluto affettuoso  a tutte!!






domenica 11 gennaio 2015

Composizioni con "cose"comuni

Questa volta da "Angeluccio"ho passato  un piacevolissimo pomeriggio  davanti il camino acceso a sorseggiare un buon caffè  scambiando delle chiacchiere con Daniela e le altre mentre realizzavo ciò  che vedete.
  
Sono entrata nella dispensa del ristorante  ed ho raccolto nel giardino ciò  che il vento  in questa stagione  invernale dimentica a terra.
Foglie secche,rami,steli dei fiori della magnolia,verdi variopinti, cipolle, agli, verza, kiwi,mele,limoni, noci, noccioline etc...



-Le piccole cose comuni della  realtà  quotidiana  sono lo specchio di se,un riflesso attraverso  cui indagare e studiare  la propria fisionomia  interiore-




-Assemblare gli elementi come  conseguenza  naturale  di un'operazione mentale  che si è già  conclusa,noi non dobbiamo  far altro  che rendercene interpreti-




Per la prima volta  ho essiccato le arance e le mele seguendo un certo metodo....
non potevano  mancare.




-Parliamo di "cose"nel loro  isolamento  silenzioso, gli interlocutori  del nostro  incessante  dialogo-.